Critters wonderlands – LEMBEH

La parola critter evoca in me un modo tutto particolare di vivere il mondo sottomarino. Un modo fatto di ore ed ore di immersioni mantenendo lo sguardo concentrato sulla sabbia, il fango, o su piccole formazioni di corallo, in un ambiente fatto di acqua torbida e spesso verde. Tutto questo sperando di trovare “il Soggetto”.
Muck dives e critters per lungo tempo sono stati sinonimi di una sola cosa: lo stretto di Lembeh, un canale affollato tra il Nord Sulawesi e l’isola di Lembeh appunto.

 

Il canale (click su una foto per partire, click sullo sfondo bianco per chiudere)

Lo stetto di Lembeh si trova in pieno triangolo dei coralli, un’area dove grazie alle correnti oceaniche di upwelling ricche di nutrienti, la vita esplode. Nella mia esperianza Lembeh è esattamente questo: un’esplosione di vita. Piccola vita bentonica ovunque, lungo le coste, sul fondo di sabbia vulcanica, tutto intorno ai piloni dei moli o in mezzo all’immondizia.
Il primo approccio solitamente lascia perplessi, specialmente se come subacquei si è abituati a grandi pareti immerse nel blu cristallino. Ben presto però si impara grazie alla guida a cambiare orizzonti e a concentrare lo sguardo su aree ristrette di parete e fondale. Questo cambio di visione segna l’inizio dello spettacolo.
Normalmente i primi protagonisti sono di taglia più grande rispetto al tipico critter e potrebbero avere anche una forma abbastanza familiare. Le buone guide sanno che i novizi hanno bisogno di avvicinarsi a questo mondo un po’ alla volta.

 

Le taglie più grandi (click su una foto per partire, click sullo sfondo bianco per chiudere)

Contemporaneamente o immediatamente dopo arrivano i nudibranchi. A Lembeh queste lumache colorate sono un po’ dappertutto, ma in alcuni punti si concentrano in maniera davvero particolare.

 

I nudibrachi (click su una foto per partire, click sullo sfondo bianco per chiudere)

Gradualmente cresce nel sub l’interesse per le cose piccole e criptiche. Le cose nascoste dai coralli, tra i tentacoli delle anemoni, dentro i crinoidi, dietro le alghe o sotto la sabbia. La consapevolezza che lo stick della guida sta mostrando un critter, rappresenta un notevole passo avanti per il sub non abituato a questo tipo di immersioni.

Piccoli e criptici (click su una foto per partire, click sullo sfondo bianco per chiudere)

I posti come Lembeh per me sono paesi delle meraviglie, THE CRITTERS WONDERLANDS !

0 comments on “Critters wonderlands – LEMBEHAdd yours →

Rispondi